marta bichisao

nasce a Milano il 25 Febbraio 1979. 

Dal 1997 studia danza contemporanea e teatro con diversi maestri tra cui Tatiana Olear, Lucia Nicolussi Perego, Cecile Bargianelli, Anna Boschetti, Corinne Taraud, Emio Greco.

Nel 2004-2005 frequenta il Corso di Formazione Superiore per l’Attore “Ero bellissimo, avevo le ali” diretto da Cesare Ronconi e Mariangela Gualtieri (Teatro Valdoca) a Cesena, organizzato da Emilia Romagna Teatro Fondazione e Teatro Valdoca (fra i docenti Claudia Monti, Roberto Castello, Michele Abbondanza e Antonella Bertoni).

Lavora come assistente e poi come conduttrice, in laboratori di danza con persone disabili, in collaborazione con Lucia N. Perego e Teatro Lenz Rifrazioni di Parma.

Nel 2003 incontra Claudia Ramelli (compagnia di teatro danza La Tarantola) e collabora come danzatrice e attrice agli spettacoli “Sogno di pietra” (Teatro al Parco, Parma 2003) e “Violacelere.eat” (Auditorium San Leonardo, Parma, 2006).

Nel 2005 partecipa alla performance “L’invisibile corpo dell’oggetto” diretta da Mirko Sabatini e presentata al festival internazionale di musica “Angelica”.

Nel 2006 si laurea in Psicologia Clinica e Sperimentale (laurea quinquennale) presso la Facoltà di Parma, con una tesi sulla migrazione forzata.

Dal 2006 inizia un percorso di ricerca sullo stare materico e cinetico del corpo sulla scena.

Dal 2006 al 2009 è danzatrice nel Laboratorio Coreografico di Altroequipe, diretto da Lucia Latour, in un lavoro di ricerca tra danza, architettura e nuove tecnologie, danzando in “Lallunahalalone” (Teatro Vascello, Roma, 2008) e “Allalunalaloneh” (Teatro Vascello, Roma, 2009), per il quale è anche assistente alla coreografia.

Dal 2005 entra a far parte di Opera come attrice e curatrice del movimento.

 sito www.operaweb.net