la storia

Il Teatro del Banchéro nasce, a Taggia, nel maggio del 1996, richiamando nel nome, un testo in versi, “Luigi Banchéro” scritto da Carlo Cagnacci nella prima metà dell’ottocento; testo profondamente legato alle radici culturali della città stessa. La trasposizione teatrale fu portata in scena, per la prima volta all’inizio del ‘900, con la regia di un giovane nato a Taggia, Carmine Gallone, che sarà uno dei padri della cinematografia mondiale.

I soci fondatori, tutti usciti dalla Compagnia Stabile Città di Sanremo, sono stati:Paolo Paolino, Silvia Mandracci, Gianna Canova, Paolo Giulio Tartarini, Loredana De Flaviis, Franco La Sacra, Nicoletta Napolitano, Sandra Carlo, Marco Barberis.

Nell’estate del 1996, su precisa volontà del Presidente, Marco Barberis, si inizia a progettare una scuola di teatro, aperta a tutti, che prende vita, col nome di  OFFICINA Scuola Propedeutica di Teatro all’inizio del 1997. Primo Direttore Artistico dell’Officina è l’attore e regista Pino Petruzzelli che collaborerà con Marco Barberis, rimasto il solo rappresentante dell’Associazione, sino al 2003. Dal 2003-2004 La Direzione Artistica passa in mano a Marcello Prayer,  ed entrano in Associazione come nuovi soci alcuni tra gli allievi della scuola, che in maniera non continuativa avevano collaborato alla buona riuscita della stessa. Prendono vita sulla spinta del nuovo Direttore, il laboratorio di scrittura, con Gianni Cascone e anche la piccola Officina, con i laboratori di teatro dedicati ai bambini. Nel 2007 viene nominata Presidente Barbara Buscaglia che alla fine dell’anno rinuncia alla carica. Dal 2007-2008 Giorgia Brusco, attrice e regista imperiese, diventa responsabile dei corsi per bambini e ragazzi.

Nel corso degli anni hanno collaborato come soci per periodi di tempo più o meno lunghi: Barbara Buscaglia, Umberto Salemi, Toni Damiano, Dalia Lottero, Francesco Camaggio, Diego Marangon, Roberta Andreetto più altri che hanno dato il loro contributo per un solo anno di attività.